CentralTest (CT)

Autodiagnosi a controllo centralizzato

CentralTest CT è un sistema per illuminazione d’emergenza con autodiagnosi a controllo centralizzato che svolge le funzioni di: test di funzionamento e di autonomia degli apparecchi, abilitazione e disabilitazione della funzione di emergenza e comando di accensione incondizionata degli apparecchi.

Il sistema può controllare fino a 1024 apparecchi di tipo non permanente (SE), permanente (SA), permanente ridotta (PS). Ogni 64 apparecchi deve essere inserita una interfaccia con la funzione di amplificare i segnali di comunicazione dati.

 

Centrale di controllo

La centrale di controllo è dotata di un display a cristalli liquidi (80 caratteri su 2 righe), di una stampante a 24 colonne e di una tastiera per la digitazione dei comandi. L’accesso alla tastiera della centrale può essere bloccato al personale non autorizzato utilizzando l’apposita chiave posta sul retro. La centrale è equipaggiata con batterie ricaricabili che le consentono un’autonomia di 3 ore in assenza di rete. È possibile integrare CentralTest Beghelli all’interno di un sistema centralizzato con funzioni più estese o realizzare un controllo a distanza, tramite linea telefonica, del funzionamento degli apparecchi. Il collegamento ad un sistema integrato si effettua con due connettori per linea seriale (standard RS232) posti sul retro della centrale. 

 

Autoapprendimento

La centrale è in grado di effettuare il riconoscimento delle lampade installate e quindi rendere estremamente semplice la programmazione dell’impianto. Dopo la fase di autoprogrammazione la centrale registra il numero di lampade che compongono l’impianto e un elenco dei relativi codici di identificazione. Questo consentirà di individuare immediatamente le lampade oggetto di eventuali malfunzionamenti. 

 

Modulo centrale

Utilizzando il Modulo Centrale è possibile controllare tutti gli apparecchi di un sistema CentralTest per mezzo di un normale computer, su cui dovrà essere installato l’apposito software Beghelli fornito assieme al Modulo Centrale. 

 

Interfaccia seriale DIN

Il collegamento fra Apparecchi e Centrale si realizza tramite un dispositivo di interfacciamento che ha lo scopo di amplificare il segnale ed eliminare eventuali disturbi. Il dispositivo è in grado di comandare 64 apparecchi ed occupa 6 moduli DIN. 

 

Funzionamento

Il principio del sistema CentralTest è basato su un colloquio domanda/risposta tra la centrale e ogni singolo apparecchio, eseguito in modo sequenziale (polling). Il microprocessore della centrale invia sulla linea di trasmissione dati un messaggio che raggiunge tutti gli apparecchi, ma che sarà riconosciuto di volta in volta solo da uno di essi in quanto ognuno sarà codificato al momento dell’installazione. Il microprocessore dell'apparecchio interrogato invia un messaggio di risposta che viene analizzato dalla centrale. Il sistema CentralTest controlla non solo lo stato degli apparecchi, ma anche l’intero impianto. Eventuali guasti alla linea dati o ai cavi di alimentazione da rete vengono immediatamente rilevati e riportati dalla stampante. Pur avendo un controllo di tipo centralizzato, gli apparecchi restano comunque di tipo autonomo, ed eventuali guasti ai cavi o alla centrale non pregiudicano il funzionamento automatico in emergenza dei corpi illuminanti. 

 

Test di funzionamento 

Il test di funzionamento viene eseguito dalla centrale in maniera automatica o su specifica richiesta dell’operatore e ha lo scopo di verificare il funzionamento delle lampade. L’intervallo di tempo fra due test automatici e l’ora in cui questi vengono effettuati sono parametri impostabili sulla centrale dall’utilizzatore dell’impianto. Durante il test la lampada viene accesa per circa un minuto allo scopo di verificare il corretto funzionamento del tubo fluorescente. La centrale raccoglie eventuali indicazioni di errore e le segnala all’operatore sia sul display che tramite una stampa su carta. Il report prodotto dalla centrale riporta giorno e ora in cui il test è stato eseguito e la tipologia dei guasti; l’identificazione della lampada guasta è facilitata dall’accensione di un LED rosso lampeggiante posto sulla parabola dell’apparecchio.

 

Test di autonomia

Il test di autonomia è simile, nell’esecuzione, al test di funzionamento, ma richiede un maggior tempo di esecuzione in quanto con esso si vuole verificare anche lo stato di autonomia delle lampade. Durante la prova il tubo rimane acceso ed il microprocessore della lampada verifica lo stato della batteria registrando eventuali anomalie. Al termine del test la centrale raccoglie dalle lampade i risultati e ne visualizza l’esito sul display. È possibile produrre una stampa su carta che riporta data e ora del test, gli errori individuati e il numero identificatore delle lampade che li hanno prodotti. L’utilizzatore ha la facoltà di impostare l’esecuzione automatica dei test, con frequenza da 1 a 99 settimane ad orari prestabiliti oppure, tramite l’apposito comando sulla centrale, richiederne l’esecuzione immediata.